Il Tre Fiori rinforza il centrocampo con un “colpo da novanta”

standard

Il Tre Fiori rinforza il centrocampo con un “colpo da novanta”

In gialloblù l’esperto centrocampista Andrea De Falco, che vanta una carriera tra serie A, B e C
“Con la società abbiamo un obiettivo in comune: giocare in Europa. Insieme al Tre Fiori voglio togliermi questa soddisfazione e ripagare la fiducia”

Colpo di mercato “da novanta” per il Tre Fiori, che alla ripresa del campionato potrà contare sulle prestazioni di Andrea De Falco. L’esperto centrocampista, classe 1986, vanta una carriera da professionista iniziata in A nelle fila della squadra della sua città, l’Ancona, prima del trasferimento alla Fiorentina e poi trascorsa praticamente tutta sui campi di Serie B e Serie C, prima delle ultime due esperienze che lo hanno visto in D l’anno scorso con la maglia della Robur Siena e poi, nella prima parte di questa stagione, con quella del Nereto.

“Ho deciso di accettare la proposta del Tre Fiori perché con la società abbiamo un obiettivo in comune – dice il centrocampista – quello di giocare in Europa. Insieme al Tre Fiori voglio togliermi questa grande soddisfazione e ripagare la fiducia che mi è stata accordata”.

Se l’arrivo di De Falco coincide purtroppo con lo stop forzato al campionato, il centrocampista si mostra subito pronto a vedere il bicchiere mezzo pieno. “La situazione purtroppo è complicata su tutto il territorio, ma cercheremo di fare di necessità virtù e sfruttare questa sosta imprevista per lavorare al meglio sotto tanti aspetti. Entrerò nello spogliatoio in punta di piedi, come ho sempre fatto e cercherò di mettermi subito a disposizione del tecnico e dei compagni per oliare i meccanismi di squadra. Non conosco ancora nessuno del gruppo, ma cambiare squadra e conoscere ambienti nuovi non mi ha mai spaventato. Anzi, il mio carattere non troppo esuberante mi ha sempre aiutato a trovarmi bene con i compagni ovunque ho giocato”.

De Falco, come si descriverebbe a chi non l’ha ancora vista giocare? “Sono un centrocampista polivalente, gioco sia mezz’ala che centralmente, amo avere spesso la palla tra i piedi e fare da punto di riferimento per i compagni, dentro e anche fuori dal campo. Soprattutto negli ultimi anni una delle soddisfazioni più grandi che ho avuto è proprio la fiducia e la richiesta di consigli da parte dei compagni. Sul piano prettamente tecnico, ho una buona visione di gioco mentre nelle occasioni in cui l’allenatore mi ha invece affidato un ruolo un po’ più avanzato, ad esempio da mezzala, non ho disdegnato di segnare anche qualche gol. Non vedo l’ora di cominciare”.

 

Giorgia Bertozzi

standard

ll Tre Fiori è pronto a sfidare la capolista Tre Penne

Il direttore tecnico Giorgio Leoni: “Le assenze non ci aiutano, ma siamo consapevoli di quello che abbiamo fatto finora, soprattutto nelle ultime partite e abbiamo fiducia nei nostri mezzi. Dovremo fare una partita di lotta, con la testa sul campo, senza pensare che affrontiamo la prima in classifica, ma solo che quelli in palio sono tre punti importantissimi per dire che il Tre Fiori c’è e vuole arrivare in fondo”

Match di cartello per il Tre Fiori, che domani (sabato 6 novembre) sfida la capolista Tre Penne (ore 15, campo di Acquaviva). Per i gialloblù di Fiorentino, reduci da quattro vittorie consecutive tra campionato e Coppa Titano, quello contro la squadra di Ceci sarà un autentico esame di maturità e un’occasione importante per consolidare la risalita in classifica.

“Ci aspetta una bella sfida – dice il direttore tecnico dei gialloblù, Giorgio Leoni – ed è un peccato arrivarci con una squalifica pensante come quella del nazionale D’Addario e qualche assenza per infortunio, ma faremo di necessità virtù. Siamo consapevoli di quello che abbiamo fatto finora, soprattutto nelle ultime partite, e abbiamo fiducia nei nostri mezzi. Dovremo fare una partita di lotta, con la testa sul campo, senza pensare che affrontiamo la prima in classifica, ma solo che quelli in palio sono tre punti importantissimi per dire che il Tre Fiori c’è e vuole arrivare in fondo”.

Dopo un inizio di stagione complicato dal punto di vista dei risultati, il Tre Fiori ha invertito la rotta: “Inizialmente abbiamo avuto qualche difficoltà ad amalgamare un gruppo quasi totalmente nuovo – spiega Leoni – ma con il passare delle settimane il gruppo è sempre più affiatato e i giocatori ora riescono a sfruttare al meglio le proprie caratteristiche. Nelle prime gare poi ci è mancata anche un po’ di fortuna, specialmente contro la Libertas e poi anche con La Fiorita, squadra fortissima, che abbiamo dovuto affrontare con l’uomo in meno pagando nel risultato finale”.

Ora però quei tempi sono andati in archivio e il Tre Fiori guarda con molta più fiducia al futuro. “La squadra ha reagito molto bene alle difficoltà. Credo che si tratti di una questione mentale, di fiducia nei propri mezzi, quella che in questo gruppo sta aumentando partita dopo partita. Purtroppo doppiamo fare i conti ancora con qualche infortunio di troppo e anche con qualche squalifica importante, ma la strada imboccata è quella giusta. Obiettivamente però prendiamo ancora troppi gol, pur facendone in grande quantità, un difetto che dobbiamo limare il prima possibile: l’esperienza mi fa dire che difficilmente a fine campionato si arriva nelle prime posizioni quando si subiscono tanti gol. Dobbiamo stare molto più attenti, aggiungere un altro pizzico di fiducia in noi stessi e sono certo che anche i risultati ci premieranno, perché le qualità a questa squadra non mancano di certo. Questo è il momento di fare punti pesanti, in linea con il nostro blasone e mettere fieno in cascina”.

 

Giorgia Bertozzi

standard

Due vittorie in una settimana suggellano il rilancio del Tre Fiori

Il direttore generale Benedettini: “Abbiamo trovato continuità dopo una partenza non allineata alle aspettative. Ora il derby di Coppa, altro banco di prova fondamentale”

Il Tre Fiori c’è e lo dice forte e chiaro. Le ultime due vittorie di campionato arrivate nel giro di una settimana su Pennarossa e Domagnano rimettono i gialloblù di Fiorentino nella scia delle posizioni di alta classifica, cancellando un avvio di stagione altalenante.

“Siamo contenti delle ultime due vittorie – dice il direttore generale del Tre Fiori, Giacomo Benedettini – arrivate dopo una partenza non allineata alle aspettative. Ora che abbiamo trovato la giusta continuità, dobbiamo cercare di continuare su questa strada in campionato. Senza ovviamente dimenticare la Coppa Titano, altra competizione che vogliamo proseguire: il derby con il Fiorentino di domani sera (martedì 26/10), ritorno degli ottavi di finale, sarà un altro bel banco di prova fondamentale per la nostra stagione”.

 

Giorgia Bertozzi

Photo Credit: FSGC

standard

Il centrocampista della nazionale Luca Censoni giocherà al Tre Fiori la sua prima stagione nel campionato sammarinese

“Mi mancava mettermi alla prova nel campionato sammarinese e ringrazio il Tre Fiori per avermi dato questa opportunità. Le sensazioni sul campo sono state molto positive già dal primo allenamento. Siamo giovani, ma l’esperienza, anche internazionale, a questo gruppo non manca di certo”
Fissate le date delle prime amichevoli: sabato 28 con La Fiorita, sabato 4 settembre con la Juvenes Dogana, giovedì 9 al Romeo Neri contro il Rimini

Luca Censoni ha deciso: la prima stagione nel campionato sammarinese la giocherà con la maglia del Tre Fiori. Anche se è strano a dirsi per chi veste la maglia della Nazionale Sammarinese fin dall’Under17 e ha già collezionato 4 presenze con la maggiore, ma quello del centrocampista classe 1996 sarà un debutto a tutti gli effetti. Il debutto del Tre Fiori sul campo invece è fissato per sabato 28 con il primo test amichevole contro La Fiorita. A seguire, il 4 settembre sgambata con la Juvenes Dogana e il 9 settembre test di prestigio al Romeo Neri contro il Rimini.

“Mi mancava mettermi alla prova nel campionato sammarinese e ringrazio il Tre Fiori per avermi dato questa opportunità. A livello di club sono cresciuto nelle giovanili del Rimini e qui l’unica esperienza che ho fatto, ormai diversi anni fa, sono stati i play-off per la qualificazione in Champions poi ottenuta con il Tre Penne – racconta Censoni -. Sono convinto che sarà una stagione intensa, anche perché il campionato sammarinese cresce di qualità ogni anno di più. Il campionato è lungo e ora è presto per fare proclami, ma le prime sensazioni sul campo sono state molto positive già dal primo allenamento. Oltre a mister Cecchetti che avevo avuto come tecnico nell’Under 21 ho ritrovato tanti compagni della Nazionale, da Daddario ai fratelli Simoncini, a Della Valle. Ma al di là delle amicizie consolidate, fin dal primo incontro l’alchimia del gruppo mi è sembrata molto buona”.

La preparazione è iniziata solo da due giorni, ma già sono in programma le prime amichevoli. “Saranno subito test importanti, anche se ovviamente in questo periodo la parte di preparazione atletica non ci permetterà di mettere in mostra grandi cose. Serviranno però per conoscerci meglio e adattarci al gioco dei compagni e alle direttive del mister. Non vedo l’ora di tornare in campo, anche perché l’anno scorso non ho giocato tantissimo. C’è molto da lavorare, ma come ho già potuto vedere c’è grande entusiasmo nel gruppo. Tutti vogliamo toglierci belle soddisfazioni portando il Tre Fiori dove merita. Siamo giovani, ma l’esperienza, anche internazionale, a questo gruppo non manca di certo”.

Se proprio vogliamo pungolare un po’ il neo-arrivato centrocampista gialloblù, quello che manca al suo score sono i gol. “Concordo – sorride Censoni – il gol mi manca. Speriamo davvero che questo sia l’anno giusto per sbloccarmi e collezionarne un po’. Sono una mezz’ala e per lo più mi tocca il cosiddetto lavoro sporco, quindi non mi capita spesso di arrivare in zona gol, ma mai dire mai. A centrocampo posso ricoprire anche il ruolo di regista e all’occorrenza anche quello di difensore centrale. Sono a completa disposizione della squadra: quello che posso assicurare è che darò il 100% per ripagare la fiducia della società e centrare gli obiettivi”.

 

Giorgia Bertozzi 

standard

Il Tre Fiori puntella la difesa con l’esperto Umberto De Lucia

“Da quando ho giocato nel San Marino ho tenuto i contatti con i gialloblù e ora che ho 29 anni, sono maturo ma ancora in forma, questa è la stagione giusto per iniziare la mia avventura qui. Vincere per andare in Europa con il Tre Fiori non è un sogno, ma un obiettivo concreto”

Il difensore Umberto De Lucia, nato in provincia di Napoli nel 1992 ma ormai riminese d’adozione, è l’importante pedina inserita nelle ultime ore nello scacchiere preparato dai dirigenti gialloblù e affidato al tecnico Cecchetti per una nuova stagione da vivere da protagonisti. Dopo un lungo corteggiamento fatto di stima reciproca, iniziato nel 2016 quando De Lucia vestiva la casacca del San Marino Calcio in Serie D, si è finalmente celebrato questo matrimonio sportivo. Per la difesa del Tre Fiori arriva dunque un puntello fondamentale di grande esperienza: De Lucia ha iniziato la sua carriera al Fossombrone in D, poi l’approdo al Martina dove ha vinto il campionato portando i pugliesi in Serie C e dove è rimasto ben 4 anni prima di arrivare sul Titano. Dopo San Marino: Agropoli, Palmese, Montegiorgio, Messina, Jesina, Pianese e l’ultimo anno sempre in D alla quotata Correggese.

“Da quando ho conosciuto il ds Casali nella mia stagione a San Marino abbiamo continuato a sentirci e sapevo che prima o poi sarei venuto a giocare al Tre Fiori. Ho viaggiato molto in questi anni, ma mi sono sempre ripromesso di non aspettare di venire al Tre Fiori a fine carriera. Adesso ho 29 anni, sono maturo ma ancora in forma e questa è la stagione giusta per iniziare la mia avventura qui. Così ho detto sì alla chiamata di Casali. Ho anche già parlato con gli altri dirigenti, con lo staff tecnico e non vedo l’ora di cominciare sul campo”.

Sposato con una ragazza riminese, in attesa della prima figlia, De Lucia conosce già bene l’ambiente, il campionato e anche le ambizioni dei gialloblù di Fiorentino: “Vivo a Rimini da 5 anni e ho tanti amici che giocano in varie squadre del campionato sammarinese e anche se per me sarà la prima esperienza in questo torneo, conosco già i meccanismi. Questa esperienza nuova mi affascina e mi entusiasma. Giocherò nella squadra più titolata della Repubblica ed è un grande onore. Darò tutto me stesso per centrare gli obiettivi che si pone la società, anche se da buon napoletano sono un po’ scaramantico e non voglio sbilanciarmi oltre. Vincere per andare in Europa con il Tre Fiori non è un sogno, ma un obiettivo concreto”.

Quali sono le caratteristiche che metterai al servizio della squadra? “Sono un difensore centrale rapido, non tanto fisico ma abbastanza bravo nell’anticipo e nello scatto nel breve. Diciamo più un Cannavaro che un Materazzi, giusto per capirci scomodando due giganti del calcio. Mi piace anche inserirmi e andare in gol, specialmente su calcio piazzato, sia di testa che di piede. Negli anni ne ho fatti abbastanza (14, ndr), ma ne ho tenuti un po’ anche per il Tre Fiori”.

 

Giorgia Bertozzi

standard

Il Tre Fiori ha scelto l’attaccante: è Luca Ferraro, 24 anni ancora da compiere e una dote importante di gol: ben 49 in 92 partite

Arrivo con grandi motivazioni e tanta voglia di vincere. Posso giocare su tutto il fronte d’attacco e mi piace fare gol

Il nuovo attaccante scelto dal Tre Fiori arriva da Lamezia Terme e nonostante la giovane età porta in dote un gran numero di gol già segnati in carriera. Luca Ferraro, nato nell’ottobre del 1997, è sempre andato abbondantemente in doppia cifra nelle sue esperienze nel campionato di Promozione al Sambiase Lamezia (12 reti) e nel Morrone (21 gol) dove ha centrato la promozione in Eccellenza segnando l’anno successivo la bellezza di 15 gol in 23 partite. Nella passata stagione la chiamata in serie D, al Gladiator e poi all’Angri. Per l’attaccante ben 49 gol in 92 partite e ora per lui inizial’avventura a San Marino, puntando in alto con il Tre Fiori.

“Sono contento che dal Tre Fiori mi abbiano cercato per una chiacchierata e che poi da questa sia nata una stima reciproca che ci ha portato all’accordo – spiega Ferraro -. Il progetto che mi è stato presentato mi ha subito coinvolto: mi ha fatto tutto un’ottima impressione, dalla serietà della società all’idea di calcio del mister. Non vedo l’ora che arrivi il momento del ritiro per conoscere anche i compagni e iniziare questa nuova avventura”.

Ferraro ha tanta voglia di rimettersi in gioco. “Arrivo al Tre Fiori con grandi motivazioni, tanta “fame” e voglia di dare il mio contributo di gioco e di gol per raggiungere gli obiettivi della società. Vorrei disputare un campionato di vertice e guadagnare la qualificazione per un posto in Europa, un’esperienza che mi intriga e che mi piacerebbe tantissimo poter vivere. Quello che posso assicurare è che non sono venuto a San Marino in vacanza. Voglio fare bene per rilanciarmi: credo di aver trovato la piazza giusta. Ci divertiremo”.

Prima di vedere al via il campionato sammarinese bisognerà aspettare ancora qualche settimana. Puoi anticipare quali sono le tue caratteristiche?

“Prediligo fare la prima punta, ma posso giocare in tutti i ruoli sul fronte d’attacco. Calcio di destro e mi piace tanto fare gol, come non importa: di piedi, di testa o anche di ginocchio, l’importante è che la palla entri in rete”.

 

Giorgia Bertozzi

standard

Il Tre Fiori si rialza dalla sconfitta ai rigori nella finale di Coppa Titano confermando al timone per il 5° anno il tecnico Matteo Cecchetti

Il DG Giacomo Benedettini: “La società e il mister hanno condiviso la voglia di partire nuovamente insieme verso importanti obiettivi”

“Poche volte siamo caduti, ma ci siamo sempre rialzati. Ripartiremo più forti di prima!” Il Tre Fiori lancia il suo messaggio ai tifosi sui social a poche ore dalla sconfitta nella finale di Coppa Titano. Una sconfitta amara, quella maturata contro La Fiorita, perché arrivata al termine di una partita equilibrata, che ha portato a giocarsi il prestigioso trofeo attraverso una roulette infinita di calci dagli undici metri (ben 24) che non ha premiato gli sforzi dei gialloblù di Fiorentino.

Il Tre Fiori però è già pronto a rialzarsi. Anzi, si è già rialzato e dopo la riunione che si è tenuta nella serata di ieri (lunedì 17 maggio) ha già preso la prima decisione importante per il suo futuro, iniziando a costruire le fondamenta della nuova stagione.

“Abbiamo rinnovato l’accordo con mister Matteo Cecchetti anche per la stagione 2021/2022 – annuncia il direttore generale del Tre Fiori, Giacomo Benedettini -. La nostra società e il mister hanno condiviso la voglia di partire nuovamente insieme verso importanti obiettivi, dopo 4 anni in cui sono arrivate la vittoria del campionato sammarinese, una Coppa Titano e una Supercoppa, oltre alla storica qualificazione come prima squadra nella storia della Repubblica di San Marino al primo turno di Europa League. Siamo orgogliosi di annunciare che Cecchetti sarà il nostro allenatore per il quinto anno consecutivo”.

 

standard

Il Tre Fiori vola in finale di Coppa Titano

Il Tre Fiori vola in finale di Coppa Titano: nella semifinale con il Tre Penne decidono Bordon e Sartori 
Il DG Giacomo Benedettini: “Centrato il primo obiettivo stagionale. Ci giocheremo la finale al massimo delle nostre possibilità”
Il Tre Fiori vola in finale di Coppa Titano 2021. Netta la vittoria della formazione di Fiorentino nella semifinale che l’ha vista opposta al Tre Penne (2-0). Decisive le reti di Bordon e Sartori nella prima mezz’ora di gioco, che hanno permesso alla squadra del tecnico Matteo Cecchetti di amministrare il vantaggio puntando su un’attenta fase difensiva, impreziosita da due buoni interventi risolutivi del portiere Aldo Junior Simoncini in una ripresa in cui il Tre Penne si è giocato il tutto per tutto per provare a recuperare lo svantaggio. Il Tre Fiori si presenterà alla finale con 7 coppe in bacheca e da detentore della Coppa Titano 2019 (nel 2020 non è stata assegnata).
“La finale di Coppa Titano era il nostro primo obiettivo stagionale e siamo riusciti a centrarlo – dice il direttore generale dei gialloblù, Giacomo Benedettini -. Sapevamo che non sarebbe stato facile, ma i ragazzi sono stati bravissimi ad interpretare al meglio la partita, andando subito sul doppio vantaggio. Adesso attendiamo di conoscere il nome dell’avversario, ma a prescindere da chi sarà, ci giocheremo al massimo delle nostre possibilità questa finale”.

 

Giorgia Bertozzi

 

Photo Credits: @FSGC

standard

“Calciatori Brutti” sbarca sul Titano. La community calcistica più seguita d’Italia con oltre 2 milioni e mezzo di followers Instagram racconterà il Tre Fiori attraverso le stories prima, durante e dopo la gara di campionato con il Fiorentino

Il DG gialloblù Giacomo Benedettini: “L’iniziativa ci è piaciuta subito e ci permetterà di farci conoscere ancora di più grazie alla potenza di questo canale seguitissimo dagli amanti del calcio di tutto il mondo”

Calciatori Brutti: “La nostra vera anima viene fuori nel raccontare campionati diversi da quelli che conoscono tutti. Dopo il Messico, ora eccoci nel calcio sammarinese”

Il Tre Fiori sabato sarà tra i protagonisti della community calcistica più seguita d’Italia. Prima, durante e dopo la sfida di campionato che vede i ragazzi di Matteo Cecchetti impegnati contro il Fiorentino, il Tre Fiori verrà raccontato da “Calciatori Brutti” attraverso delle stories sulla pagina Instagram https://www.instagram.com/calciatoribrutti/che conta oltre 2 milioni e mezzo di followers e 4 milioni di utenti distribuiti sui vari social.

Una collaborazione, quella nata tra il Tre Fiori e Calciatori Brutti, che desta tanta curiosità sia sulla sponda sammarinese, sia su quella italiana che è pronta a scoprire i segreti del calcio Made in San Marino raccontato con “leggerezza, unicità e professionalità”, i tre concetti che stanno alla base della creazione e dello sviluppo di questo nuovo modo di raccontare il calcio attraverso i social media con un linguaggio autentico e irriverente che ha stregato anche le grandi aziende internazionali.

“Siamo una società in continua evoluzione e con tanta voglia di crescere – spiega il direttore generale gialloblù, Giacomo Benedettini – e questa iniziativa ci è piaciuta subito. Seguendo sui social Calciatori Brutti abbiamo pensato che anche noi potevamo dire la nostra e farci conoscere di più anche fuori dai confini sammarinesi grazie alla potenza di questo canale di comunicazione seguitissimo dagli amanti del calcio di tutto il mondo. Siamo tutti coinvolti e pronti a raccontarci, ma non sarà una scusa per i nostri giocatori: sui social saranno Calciatori Brutti, ma per battere il Fiorentino da parte loro servirà una prestazione bellissima”.

“Da sempre lo sguardo di Calciatori Brutti è rivolto verso un calcio tanto popolare quanto di nicchia – raccontano -. I grandi campionati sono sotto gli occhi di tutti e forniscono, anche a noi, la possibilità di sviluppare una comunicazione divertente e approfondita. Tuttavia è verso il calcio dilettantistico e verso campionati cosiddetti minori che la nostra vera anima viene fuori. A un anno di distanza dal primo lockdown, che ci ha spinto a seguire e trasmettere le dirette del campionato messicano, siamo pronti a raccontare il calcio sammarinese”.

 

Giorgia Bertozzi

standard

Ecco Patrik Bordon: è sloveno l’attaccante scelto dal Tre Fiori per puntare all’Europa.

Arriva da Capodistria la nuova punta di diamante del Tre Fiori. Patrik Bordon, classe 1988, attaccante di 1,94 cm di altezza, è pronto a fare il suo esordio del campionato sammarinese già domenica, quando il Tre Fiori affronterà la Virtus nella prima gara del campionato dopo lo stop per la pandemia.

Per l’attaccante sloveno, che vanta presenze nelle nazionali giovanili, è la prima esperienza a San Marino. In Italia invece ha giocato: non era nemmeno maggiorenne quando un Lecce che puntava dritto alla serie A lo ha notato mentre giocava con il Koper. “Sono passati ormai tanti anni – racconta in un italiano perfetto –, ma ricordo bene quella esperienza. Avevo tante aspettative, ma arrivai in una squadra che puntava alla serie A e per i giovani come me non c’è stato molto spazio”.

Bordon è così tornato a giocare in Slovenia, poi Albania, Bosnia, Cipro e Lituania anche disputando alcune partite in Coppa Uefa. Perché quest’anno ha deciso di provare questa esperienza al Tre Fiori? “Il mio agente mi ha informato che esisteva questa possibilità e dopo qualche giorno ho incontrato i dirigenti e il mister del Tre Fiori in videoconferenza. Sinceramente prima di parlare con loro ero un po’ scettico, perché non conoscevo il calcio di San Marino. Poi mi sono stati spiegati i progetti e gli obiettivi stagionali e ho capito che avevo davanti una società seria, con obiettivi chiari e ambiziosi, che punta a vincere e a qualificarsi per le gare europee. Questo mi è stato sufficiente per accettare questa nuova sfida”.

Dopo le prime settimane di allenamento è ancora convinto della scelta? “Lo sono ancora di più – dice Bordon – perché sono stato accolto benissimo sia dalla società che dai nuovi compagni. Ho trovato un’organizzazione perfetta e mi sono trovato bene fin dal primo momento”.

Centrare obiettivi ambiziosi però non è facile. A maggior ragione ora, con un campionato reso ancora più difficile dagli stop & go dovuti alla pandemia e con una classifica che vede il Tre Fiori dover rincorrere. “Credo che la squadra abbia tutte le carte in regola per recuperare i punti lasciati per strada. Le prime settimane con i compagni me lo hanno confermato: qui c’è qualità e si lavora bene, seriamente, con grande spirito di sacrificio. Tutte componenti essenziali per vincere. Non conosco ancora gli avversari, ma sono molto fiducioso sul nostro gruppo. In queste settimane abbiamo fatto una buona preparazione e siamo pronti alla verifica del campo”.

Quali sono le sue caratteristiche principali e quali gli obiettivi che si prefigge? “Sono una classica prima punta, un numero 9, un uomo d’area. Ovviamente mi piace segnare, ma l’obiettivo dei gol personali viene in secondo piano rispetto agli obiettivi di squadra. Mi metterò al servizio dei compagni come loro faranno con me: si vince in 18 e a me piace vincere”.

 

Giorgia Bertozzi